Una parola in più

Nella lingua italiana, seppur ricca di vocaboli, manca una parola specifica per indicare il nipote dei nonni, distinguendolo dal nipote degli zii. Tante volte ci sono degli equivoci anche imbarazzanti per questo motivo.

Ho pensato ad un termine che ho sempre adoperato in modo scherzoso per i bambini, cioè “purillo”, che sul vocabolario indica quella piccola appendice di stoffa alla sommità del cappello basco.  Siccome questo termine esisteva già, l’assonanza era forte con “puerillo” cioè puer= fanciullo e illo= questo, di derivazioni latine.

Quindi propongo il termine puerillo e puerilla per indicare il nipotino/a dei nonni.

 

Annunci

13 maggio 2018, primo cimento nel Bormida.

Nuovo documento 2018-05-25_1

I Nuotatori del Tempo Avverso non sono nuovi a queste esperienze, infatti nel 2009 proposero il cimento nel fiume Tanaro e dall’articolo che riportiamo si possono capire gli intenti in sintonia con i tempi post-industriali che sta vivendo il nostro paese.

Articolo Tanaro 1

Anche per il Tanaro si accesero polemiche sullo stato di salute del fiume, in relazione con i depuratori e la rete fognaria. Questo però non impedì che il nostro cimento settembrino si ripetesse ogni anno; solo nel 2017 c’è stata un’interruzione per i danni apportati dall’alluvione del novembre 2016, che oltre allo sconvolgimento delle sponde ha ulteriormente danneggiato la rete fognaria. Per il 2018, grazie anche all’interessamento dell’Associazione Amici del Fiume pensiamo di poter riprendere questa importante consuetudine. Nel 2015 siamo stati invitati a Cerro Tanaro (AT) per il primo Festival del Fiume dove la nostra presenza è stata determinante per dimostrare che si può vivere appieno il fiume, non solo con passeggiate e pedalate lungo le sponde, ma completando queste attività anche con un bagno nelle acque del fiume da molti anni disertate. Ora abbiamo affrontato il Bormida e il cimento anche in questa occasione non è stato l’atto di coraggio per fare il bagno in acque fredde, ma è stato l’immergersi in acque che per molti anni hanno subito l’inquinamento industriale e il Bormida è stato sicuramente uno dei più penalizzati dall’industria; anche se nel territorio della Val Bormida l’industria è chiusa da molti anni, la cattiva fama di questo fiume permane. Grazie all’attenzione di chi si occupa della salute del territorio e dei suoi abitanti, si sta rilevando che da un periodo in cui il fiume veniva dichiarato morto, circa a metà degli anni ottanta del secolo scorso, a trent’anni di distanza il Bormida sta ritornando alla vita: una rinascita! Come è stato definito con un’immagine metaforica, da chi è ottimista, il fiume è un convalescente che si sta rimettendo. Il nostro bagno è stato un atto di fiducia e di augurio di buona salute affinché il Bormida possa tornare ad essere una risorsa attiva piuttosto che un malato cronico sostenuto da una pensione di invalidità come dichiarano i pessimisti.

Proficientes

Dal novembre 2005 ho l’onore e l’onere di essere il presidente dell’Associazione Nuotatori del Tempo Avverso (ANTA) con il seguente logo:

LOGO-TESTO CIRC COLOR

Ho aperto questo blog per dare una spiegazione al termine sintetico di “proficientes” che qualifica la nostra associazione ANTA, in quanto significa “progredire nel cammino”.

Questo non è un cammino solitario, ma è un cammino comune con chi ha deciso di far parte dell’associazione che nel tempo si sta trasformando in una comunità che ha scelto il suo ambiente presso le rive del mare fuori stagione, dei fiumi che negli ultimi decenni sono state abbandonate e dei laghi.   Quindi siamo diventati una comunità di riviera con una nuova identità che mi piace definire occupante nicchie ecologiche vuote.

Per condurre una comunità lo spirito giusto è quello che ho trovato nell’antroposofia come potrete leggere nel mio testo “Mare freddo-Teste calde” nelle pagine 5, 37, 38, 39 e 40.

Anche dal punto di vista scientifico, nel tempo ho subìto un cambiamento, passando da un sapere specialistico ad una visione più ampia che mette in luce la complessità dell’essere umano.  Nella SIPNEI (Società italiana di psiconeuroendocrinoimmunologia) ho trovato un paradigma scientifico soddisfacente alle esigenze attuali del sapere. Dal 2014 ricopro la carica a carattere volontario e gratuito di referente per la Liguria della SIPNEI.LOGO SIPNEI LIGURIA

In questa cultura scientifico-filosofica l’imperativo è allargare la propria visuale liberandosi dai pensieri che riguardano le proprie vicende personali per elevarsi da ciò che riguarda solo se stessi, ma a qualcosa che riguarda l’umanità in generale.

Secondo un nuovo concetto evoluzionistico, dopo i tre regni della natura minerale, veeanimale, vi è un quarto regno, quello umano, ma il termine umano è ancora un aspetto riduttivo che porta sempre alla parola “uomo” quando ci si riferisce all’umanità.  Ma l’umanità è formata da una femmina (donna) e da un maschio (uomo), e quindi manca una sua rappresentazione olistica simbolica che con un ideogramma e una nuova parola ne esprimano il concetto. Io ho pensato e realizzato questo nuovo ideogramma.

Partendo dal simbolo donna

DONNA3

e dal simbolo uomo

 

UOMO3

sovrapposti si arriva ad avere questo nuovo ideogramma che rappresenta l’umanitàDOMO3

e dall’unione della parola DONNA e UOMO con un crossing over possiamo formare la nuova parola DOMO per questo nuovo ideogramma.^881767BE4075DAC0050CCD621079F5202086FC65EF4C9F8FCD^pimgpsh_fullsize_distr ^703204DBD2CF74BE510DA2843C663E44BB51B637AC680B17F4^pimgpsh_fullsize_distr